Ciao primavera

Una volta all’anno su queste colline di Longiano succede qualcosa di meraviglioso. Peschi, susini, albicocchi, ciliegi e tutti gli altri alberi da frutto, orgoglio della nostra Romagna, ci regalano l’emozione della fioritura. Quest’anno poi in sorprendente tempismo con l’arrivo della primavera.

Rimini, la città di Federico Fellini

Fellini

La città del sogno e del ricordo

 

Capiti a Rimini un po’ prima dell’inizio della stagione estiva. E’ il momento giusto per andare alla scoperta della Rimini dei riminesi. Conoscerne il suo lato più autentico, il suo fascino di cittadina di provincia, il  centro storico e in questo particolare caso un cittadino illustre che grazie a un suo film l’ha fatta conoscere al mondo intero.

E’ la Rimini di Federico Fellini (Rimini 20 gennaio 1920 – Roma 31 ottobre 1983). Fellini è annoverato fra i più grandi registi del cinema internazionale: vincitore di quattro premi Oscar fra cui quello per l’iconico “Amarcord”.

La Rimini di Federico è la città del sogno, un racconto fantastico dei suoi ricordi di giovinezza fra il Borgo San Giuliano, il cinema Fulgor, piazza Cavour e poi dritti fino al Grand Hotel e la punta del porto. Un racconto sognato, immaginato perché il Regista non girò un metro di pellicola nella sua città natale, ma tutto è stato sempre ricostruito negli studi di Cinecittà, evocando le atmosfere, i sogni, i ricordi.

FelliniFelliniFellini

 Il Borgo San Giuliano: una cartolina in puro stile Amarcord

 

1

 

Dal Borgo San Giuliano quello che un tempo era il borgo dei pescatori inizia il mio itinerario felliniano. Si trova a ridosso del centro storico. Riconoscibile per le sue casette colorate affacciate sul fiume Marecchia oggi è diventato una delle zone di maggiore pregio di Rimini. Qui tutto è Fellini che lo ha celebrato in “Amarcord”. Il film che racconta la sua giovinezza, all’inizio degli anni Trenta, attraverso l’amico/alter ego Titta Biondi.

Il consiglio? Iniziate passeggiando lungo la via Marecchia, insieme a piazzetta Gabena, fra le più belle e colorate. Lasciatevi guidare dall’istinto, dai colori, dai tanti dettagli che strada facendo incontrerete. Per esempio, i bellissimi murales dipinti sulle pareti esterne delle case ispirati ai capolavori felliniani e ai suoi immortali personaggi: La Dolce Vita, Le notti di Cabiria, Lo sceicco bianco, Casanova, 8 1/2, La Strada, Marcello, l’Anitona, Giulietta (Masina) sua musa e fedele compagna nella vita reale e cinematografica.

 

Tips X FoodLovers

 

Pieno di ristorantini e cantinette il Borgo San Giuliano è il posto giusto per prendere confidenza con la buona cucina romagnola. Per un aperitivo vi consiglio l’Enoteca del Teatro perfetta per gli intenditori di vino. Per una gustosa piadina e altre specialità del territorio l’indirizzo giusto è  Nud e Crud. Se invece volete sedervi a tavola fatevi tentare da due classici della nostra cucina: tagliatelle e cappelletti da La “esse” Romagnola. Per il pesce invece l’indirizzo giusto è La Marianna.FelliniFelliniFellini

L’inedito sguardo sul ponte di Tiberio

 

2

 

• Inaugurata a fine anno la Piazza sull’Acqua ridisegna l’invaso del ponte di Tiberio, il passaggio dal Borgo San Giuliano al centro storico di Rimini. Progettato dall’imperatore Augusto nel 14 d.C. e terminato sette anni dopo dal suo successore Tiberio, da cui prende il nome, il Ponte di Tiberio entra di diritto nel mio percorso felliniano. Scendendo nell’invaso infatti spicca il murales di Ericailcane: un gallo e un pavone che si affrontano a colpi di becco e artigli. Bello da vedere, super instagrammabile, anche qui c’è qualcosa di romagnolo e del Regista. Il gallo è da sempre il simbolo della Romagna, mentre il pavone è evocato nel film “Amarcord” di cui vi parlerò più avanti arrivati in piazza Cavour.

• Se alla vostra destra, attraversando il Ponte di Tiberio, vedete la Piazza sull’Acqua, alla sinistra, fresca di taglio del nastro c’è la passerella sospesa: l’inedito sguardo. Una suggestiva passeggiata che dal Ponte di Tiberio corre lungo le vecchia mura della città. Un colpo d’occhio unico, prima di inoltrarsi in corso d’Augusto e raggiungere il centro storico di Rimini.FelliniFellini

Il cinema che ispirò Fellini

 

3

 

• Lasciato alle spalle il parco XXV Aprile, dove si trova la Piazza sull’Acqua, imboccato corso d’Augusto si arriva al Cinema Fulgor. E’ qui che da bambino Fellini si innamorò del cinema. Seduto sulle panche in legno di quello che all’epoca era un vecchio cinema di provincia, guardando insieme al nonno il suo primo film, “Maciste all’inferno”, incontrò i sogni di celluloide. Oggi palazzo Valloni è diventato la casa di Fellini grazie il tocco di un altro Premio Oscar. Lo scenografo Dante Ferretti ne ha curato gli allestimenti, restituendolo alla città di Rimini. E il prestigioso New York Times lo ha inserito fra le 52 mete mondiali da visitare nel 2018.

 

Poco distante, in piazzetta Zavagli, l’anello della Contessina

 

• Questo delizioso angolo di Rimini, a due passi dal cinema Fulgor, merita una citazione felliniana. Piccola, curata come una bomboniera, piazzetta Carlo Zavagli si nota per l’installazione a cerchio dell’artista Mauro Staccioli. E’ l’omaggio all’anello della contessina Zavagli citato nel film Amarcord.

Un fatto realmente accaduto proprio in quella piazzetta: un servitore dei conti Zavagli venne fatto immergere nel “pozzo nero” per recuperare l’anello caduto alla giovane. Oggi “l’anello ritrovato”, una possente struttura in acciaio, può essere ruotato con la forza di un dito. E, in questi anni, le sue infinite variabili di visione lo hanno fatto divenire uno dei luoghi più fotografati di Rimini.

 

Tips X FoodLovers

 

Per una deliziosa pausa food, poco distante da piazzetta Zavagli, ecco un indirizzo per gustare del buon pesce: Il Pescato del Canevone. Trova spazio in un edificio medievale “l’antichissimo Canevone di Santa Maria della Misericordia di Venezia”. Il pesce servito arriva direttamente dal peschereccio di casa e altri piccoli barchini che gettano le reti nelle acque di casa. Il menù è scritto sulla lavagna a seconda del pescato. A due passi dai Musei Comunali, nella stagione estiva, si pranza e si cena all’aperto tra il verde del giardino museale.FelliniFelliniFelliniFellini

Piazza Cavour il ritrovo dei “vitelloni”

 

4

 

E’ la Rimini dei palazzi storici: il Palazzo del Podestà, costruito attorno al 1330. Il Palazzo dell’Arengo in stile gotico-romano datato 1200. Palazzo Garampi, sede del municipio di Rimini, che risale alla seconda metà del 1500. Se si sceglie Federico Fellini come guida per conoscere Rimini piazza Cavour acquista un’allure tutta particolare. Qui entra in scena il pavone di felliniana memoria. L’inverno è alle spalle, ma se dici fontana della Pigna e neve non può che venirti in mente una delle scene più magiche di “Amarcord”: le palate di neve contro Gradisca (personaggio reale diventata un’icona felliniana) e il pavone che si appoggia sulla fontana in marmo ghiacciata e zittisce tutti con la sua maestosa ruota. Nella finzione scenica piazza Cavour è anche il luogo d’incontro dei Vitelloni (altra pellicola che ha lasciato una segno nella storia cinematografica). Qui abitavano i personaggi principali: il mite Moraldo (Franco Interlenghi), Fausto il seduttore (Franco Fabrizi) e l’infantile Alberto (Alberto Sordi).

• Sull’altro lato della piazza c’è la Vecchia Pescheria. Costruita a metà del Settecento, oggi con le sue cantinette e localini è uno dei luoghi della movida riminese.

• In fondo alla piazza si affaccia il Teatro Galli inaugurato nel 1857 da Giuseppe Verdi, distrutto dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, a breve sarà aperto alla città. Sempre in tema felliniano è nella vecchia sala delle Colonne, inglobata nei lavori di rifacimenti del teatro, che il 4 novembre del 1993 venne allestita la camera ardente per l’ultimo abbraccio fra Federico e Rimini, la sua città.

• Alle spalle di piazza Cavour ecco svelarsi in tutta la sua magnificenza il Castel Sismondo. Voluto nel 1400 da Sigismondo Pandolfo Malatesta, signore di Rimini, come palazzo e fortezza. Un altro luogo importante nella vita di Regista. Nel suo piazzale veniva infatti montato il circo. I suoi personaggi caricaturali e grotteschi sono stati grande fonte di ispirazione nella stesura delle sue opere.

 

Tips X FoodLovers

 

Stanchi di camminare, vi assale quel certo languorino, da A Sem Toast trovate il perfetto romagna street food: panini, piadine e frittini leggeri leggeri da gustare sui banchi in marmo della vecchia pescheria. Di fianco, invece vale una sosta Il Foyer, colazione, pranzo, cena, aperitivo, troverete quello che fa per voi. Sempre in zona cantinette hamburger d’autore da Ciccia&Cips. In via Poletti, invece, da provare il ristornate La Mi Mama, cucina romagnola in versione delicata e ottimo tips per chi preferisce lo stile veg.FelliniFellini

Il tempio Malatestiano, la cattedrale di Rimini

 

5

 

• Prima di virare verso il mare tappa d’obbligo al Tempio Malatestiano, la cattedrale di Rimini. La facciata esterna è stata commissionata da Sigismondo Pandolfo Malatesta ai uno dei pù grandi artisti del Quattrocento Leon Battista Alberti. Il duomo di Rimini, nonostante sia un’opera incompiuta (nella parte alta si vedono ancora le tracce dell’antica chiesa romano gotica)  è considerato uno dei gioielli del Rinascimento italiano. Fellini e amici lo frequentavano più che per amore di religione, per fini più terreni “soprattutto perché qui c’erano le ragazze”.

 

Tips X FoodLovers

In zona Tempio Malatestiano assolutamente da provare la pasticceria Il Duomo, le sue brioche per la colazione, così come i dolci per la merenda sono impareggiabili.Fellini

Dalla città verso il mare lungo il viale che porta al Grand Hotel

 

6

 

Il racconto felliniano che si snoda lungo viale Principe Amedeo con le sue villette in stile Liberty rappresenta la migliore cartolina turistica di Rimini.

• Al numero civico 10 di via Dardanelli c’è la casa dove è nato Federico Fellini. Un passaggio breve, anzi brevissimo, la sua famiglia subito dopo si trasferisce nel centro storico cittadino.

• Proseguendo lungo viale Principe Amedeo si arriva al parco Fellini. Suggestiva e fotogenica è la grande macchina fotografica della Ferrania – ribattezzata Fellinia – che identifica la rotatoria che dal parco conduce al mare. Negli anni Sessanta e Settanta era un piccolo negozietto per la vendita di pellicole per macchine fotografiche. Poi avamposto della vecchia Fondazione Fellini sul mare. Oggi è considerata la metafora della Riviera Romagnola e della vocazione riminese a produrre immagini e immagini di immagini. L’hashtag #Rimini, prendendo come metro di paragone la classifica di Google, si è classificato al 14esimo posto fra le città più instagrammate d’Italia.FelliniFelliniFellini

Il simbolo della Dolce Vita riminese

 

7

 

• Arrivati al parco Fellini si incontra una delle big beauty riminesi: il Grand Hotel. Simbolo della belle époque,  rappresenta un elemento centrale dei fantastici sogni giovanili di Federico quando sbirciava dalla recinzione la lussuosa vita che si conduceva al suo interno. Emblema dell’arte di vivere italiana, è caratterizzato dalla sua lussuosa facciata in stile Liberty, il parco esotico con le palme, la terrazza panoramica, i saloni arredati in stile francese e veneziano del XVIII secolo e quell’atmosfera di magia rimasta immutata dall’estate del 1908, anno della sua inaugurazione. Fellini amò per sempre il Grand Hotel e da regista famoso e acclamato ne fece il suo buen ritiro quando tornava a Rimini, sempre nella stessa suite.

 

Tips X FoodLovers

 

Da non perdere quando si arriva in zona Grand Hotel la piadina della Casina del Bosco, una vera e propria istituzione.

FelliniFelliniFellini

Con lo sguardo verso il mare

 

8

 

• Eccoci arrivati all’ultima tappa della mia Rimini felliniana: la passeggiata sul porto, o meglio come diciamo dalle nostre parti, lungo la palata. Per noi riminesi è l’ideale prolungamento della città verso il mare. Una passeggiata sul porto, non c’è nulla di più felliniano che si possa fare, specie nei corti pomeriggi invernali avvolti dalla nebbia. Si cammina in silenzio, in compagnia dei propri pensieri e dello spirito di “Amarcord”. Incrociando (con la fantasia) il transatlantico Rex come nella scena del film. Tutti si ritrovano in riva al mare per vedere il passaggio del celebre trasatlantico, ma fu soltanto una bizzarria del regista, perché da Rimini il Rex mai è passato. Potere della fantasia felliniana e dei suoi sogni di celluloide.

 

 

• E se volete concludere con una citazione da un classico felliniano, il film 8 1/2 ecco il mezzo suggerimento più: una passeggiata bella per tutte le stagioni, arrivati al porto proseguite sugli scogli, sulla punta del porto. Il più bel “pensatoio” di Rimini.

 

 

Tips X FoodLovers

 

La magia del tramonto al Rockisland, perfetto per un aperitivo mozzafiato o una cena sull’acqua.

Scarica la guida in formato pdf 

Questo itinerario turistico fa parte di un progetto realizzato per Liverpool Hotel Rimini All Inclusive (viale Bergamo, 8) Rivazzurra di Rimini.

[/fusion_text][/fullwidth]

Pic nic a Scamporella

scamporella

Non è estate se non partecipi a una Scamporella ♥

E’ l’insolito pic nic fra gli ulivi organizzato nella tenuta agricola Terre Giunchi, sulle verdi colline cesenati. E’ stato “il primo pic nic”, The Originals. Quello che qualche estate fa, lasciando un po’ tutti a bocca aperta, ha lanciato la moda delle serate fra vigneti e uliveti.

Scamporella è un sogno a occhia aperti. E’ una ventata di freschezza che cristallizza il tempo. Arrivi nella tenuta agricola poco prima del tramonto. Parcheggi l’auto e ad attenderti c’è il trenino pronto a condurti nel campo di ulivi.  Note swing, palloncini bianchi appesi ai cesti in vimini colmi di pacchetti golosi, mutande e calzettoni appesi come fossero festoni, interminabili fili di lucine, profumi di rosmarino e lavanda, sono il felice benvenuto a Scamporella.

scamporellascamporellascamporellascamporellascamporella

All’imbrunire ti viene consegnato il cestino da pic nic con il palloncino bianco, le posate in legno legate con lo spago rosso e quei pacchetti che profumano di buono. Non ti resta che cercare il tuo ulivo e l’aperitivo di benvenuto a Scamporella ha inizio. Focaccina, salamino, formaggio, le conserve fatte in casa con le verdure, il cous cous nel barattolino  di vetro …

Per il bere non c’è che l’imbarazzo della scelta. Dai vini della tenuta Terre Giunchi, ai cocktail d’autore, passando per i succhi di frutta e la buona Birra Amarcord che ha organizzato, sotto il suo ulivo, qualche piacevole rendez vous con i blogger con cui collabora.

scamporellascamporellascamporellascamporellascamporellascamporellascamporella

Una deliziosa cenetta in stile pic nic 

Il menù varia ogni settimana, ma diciamo che si resta sui classici della cucina di campagna con qualche nota inedita. Così ecco  che ti viene servita una fresca zuppetta di yogurt e cetriolo. Poi altre chiacchiere, un bicchiere di birra (noi abbiamo scelto una Gradisca con malto d’orzo, stile leger,  colore chiaro) e arriva la lasagnetta di verdure. La rinfrescante insalatina di campo con sapori e profumi che è raro assaggiare.

A metà  serata ci servono il piatto forte, un classico da Scamporella: patate e salsiccia alla griglia, servite in un cono di carta ancora caldo da mangiare con lo spiedino di legno. Intanto la musica va avanti. Le cicale lasciano spazio ai grilli. La notte si illumina sotto gli ulivi. E tu te ne stai comodo sdraiato fra coperte e cuscinoni, in attesa del dolce. Nel nostro caso una meravigliosa panna cotta con composta di frutta aromatizzata alla cannella.

 

scamporellascamporella

La serata prosegue calma, rilassata, perché deve durare dal tramonto alla prima notte, diciamo attorno alle 23,30.

Le serate di Scamporella proseguono tutti i giovedì d’estate. La prenotazione è obbligatoria. La lista di attesa è abbastanza lunga, per cui il consiglio è di prenotare per tempo in modo da gustarsi una perfetta serata d’estate in collina.

Aperitivo in Vigna sul Monte San Bartolo

vigna

Da mozzare il fiato

In una vigna sul Monte San Bartolo, sorseggiando un calice di vino, vedi tramontare il sole sul mare. Il posto non è proprio dietro l’angolo. Ma vale la pena farsi qualche chilometro per arrivare nella Vigna di Rive a Fiorenzola di Focara, nel pesarese.

vignavignavignavignavignavigna

Aperitivo al Tramonto

Risali la collinetta, lungo i filari di vite e piano piano vedi il mare che in questo tratto di Adriatico è di un blu assoluto. Seduti ai tavoli ricavati dalle botti di vino, oppure direttamente sull’erba, lo spettacolo ha inizio. L’aperitivo è sfizioso. I vini bianchi e rossi (blanc de pinot noir, pinot noir, sangiovese) della vigna di casa si abbinano alle focacce farcite con i sapori dell’orto, del mare e della terra .

Sorseggi un calice di bianco fresco, parli, scatti foto. Soprattutto ti meravigli di avere questo paradiso a due passi da casa. Intanto il sole inizia a scivolare sul mare. I colori dell’acqua e del cielo passano dall’azzurro all’arancio fino a quel sottile punto di rosa. E’ il momento in cui la golden hour lascia il posto a the blue hour. La costa si illumina e, se si capita in una serata dal cielo terso come è capitato a me, l’orizzonte arriva fino a Cesenatico. E’ l’ultimo colpo d’occhio prima di tornare a casa con quella magica sensazione di essere stato in vacanza.[/fusion_text][/fullwidth]

vignavignavignavignavignavigna 

Come si arriva

Da Rimini si prende l’autostrada fino a Cattolica. Si prosegue per Gabicce Monte lungo la panoramica. Usciti dall’A14 passando dalla Siligata (fino all’intersezione con Fiorenzuola di Focara)  si farebbe un pochino prima. Ma la panoramica che da Gabicce porta fino a Pesaro è una strada da love story e, dal mio punto di vista, fa parte del pacchetto di questo meraviglioso aperitivo che ti trasporta a due passi da casa letteralmente fuori dal mondo. Quindi restando sulla sinuosa strada panoramica si supera Fiorenzuola di Focara e un chilometro dopo si arriva nella vigna della Fattoria Mancini pronti a gustarsi l’Aperitivo al Tramonto.

vignavignavignavignavigna

Si replica fino a fine estate

Se l’idea di perdervi nella bellezza con un calice di vino in mano, l’Aperitivo al Tramonto nella vigna con vista sul mare Adriatico si replica tutti i giorni dal martedì alla domenica dalle 18 alle 2130.[/fusion_text][/fullwidth]

Vigna delle Rive strada delle Rive Fiorenzuola di Focara

Dolce Vita in spiaggia

Pranzo on the beach al Calamare

Si può andare in spiaggia per prendere il sole, giocare a beach volley, fare sport, starsene ad oziare ore, affittare un moscone e fare il bagno al largo, oppure si può andare in spiaggia per regalarsi un pranzetto instagrammabile fra tradizioni marinare e rivisitazioni gourmet. E poi, magari trascorrere il resto del pomeriggio in una spa. Una spa sulla spiaggia con il tappeto verde come passerella.

Pochi giorni fa ho avuto l’occasione di pranzare al Calamare, il ristorante super chic all’interno del Fantini Club di Cervia. E’ il maxi stabilimento balneare conosciuto per la sua offerta sportiva. In pratica non c’è sport che qui non puoi fare. Da solo, in squadra e persino con il personal trainer nella palestra fronte mare con tanto di attrezzi Technogym.

Tutto il gusto healty della cucina di mare

Verdura, frutti, germogli, il buon pesce azzurro del mare di casa, qualche tocco esotico per accostamenti originali, gli ingredienti usati come colori, sono stati gli elementi del social lunch di ben otto portate, leggero come una nuvola.

L’antipasto fra Orto e Mare con la degustazione di crostacei e molluschi e verdure di stagione (da mangiare prima di tutto con gli occhi). A seguire l’assaggio di Passatelli del Molo con gamberi, totani e croccante al nero di seppia. Il Risotto in bianco di mare con leccia marinata, fave e profumo di caffè (assolutamente divino).

I secondi sono partiti dalla petit grigliata di pesce azzurro (alici, sarde e sgombro) con mostarda di cipolla ai semi di lino, pesto al cavolo nero, per un pieno di Omega 3. Il Polipo alla brace con zafferano e curcuma, il tonno sulla piastra insaporito con il cumino con la patata dolce e quella viola, come dire LO Yin e Lo Yang in versione marinara (in assoluto la cosa più buona che abbia assaggiato).

E per concludere un doppio saggio di dolce: la Sbriciolona con gelato alla crem e fragole (ha strappato il doppio assaggio) e il Cioccolato Fondente, con pane dolce alla vaniglia e mango.

Se siete il tipo: sabbia tiepida sotto i piedi con il rumore delle onde in sottofondo, il ristorante Calamare di sera svela la sua anima più glam. Il menù si arricchisce di crudité: tartare e carpacci di tonno pinna gialla oppure di pesce spada di Sicilia, carpaccio di gamberi rosa, ostriche bretoni. Mentre palme, amache, la luce soffusa delle candele rendono l’atmosfera unica.

Pomeriggio di relax nella spa

Dopo il pranzo con i piedi sulla sabbia al Calamare un pomeriggio di relax nella spa. E’ in spiaggia, ma per regalarti il massimo del benessere qui cammini sulla soffice erba verde. Poi c’è la proverbiale ardua scelta: sauna, docce tropicali, maxi vasca idromassaggio, il lettino di sale ( le saline di Cervia sono a due passi), massaggi, trattamenti estetici, oppure un paio di ore in silenzio, all’ombra stesa su un lettino, a non pensare a niente.