Dalla Lella | Piadina e Romagna Style

piadina

Matterello | Amore |Piadina

La piadina della Lella è una tappa obbligata che tu sia di Rimini,  oppure che arrivi da lontano. E’ sì una piadineria, ma ancor più è il gusto del RomagnaStyle concentrato in un tondo “grande come la luna”.

Alla Lella va il merito, in tempi non sospetti, di avere svecchiato il mood “vecchio negozio di piada”. Prima ha portato la sua fantasia fra i fornelli, uscendo dallo schema piadina al prosciutto, cassone rosso (pomodoro e mozzarella) e cassone verde (con le erbe di campagna). Ne ha studiate di ogni fra cui il “cavallo di battaglia” (Parma, squacquerone e fichi caramellati). Poi ha pensato che il negozietto di rivendita piadine le stava stretto.

Primo step, ha rifatto il look alla piadineria di via Covignano  ispirata alle botteghe di una volta – la cui gestione è affidata alla figlia Marina. A seguire si è rifatta la sua botteguccia di via Rimembranze, il primo negozio della dinasty. Lo ha fatto scintillante come una notte d’agosto. Nel frattempo l’altro figlio Massimiliano (Chicco Piadina) decideva di cambiare aria e volare a New York per fare fortuna. La sua storia meriterebbe un capitolo a parte, per cui sintetizzo – e annota nel caso di un viaggio a New York – se vuoi provare il Lella Style, a Williamsburg, quartiere di Brooklyn, una fragrante piadina te la puoi gustare dalla Lella Alimentari.

Dalla Lella al Mare

L’ultimo capitolo della dinasty di Gabriella Magnani, per tutti La Lella, è al mare, in piazzale Kennedy. La piccola piadineria è diventata un pizzeria da asporto: MozzareLella, poteva chiamarsi altrimenti?! (le sue pizze le devo ancora assaggiare e ve le racconterò a breve).  La piadineria si è spostata di una ventina di metri in uno spazio più grande. Inaugurata all’inizio dell’estate ha i colori soffici delle nuvole.

Appese ai muri le fotografie raccontano la storia di questa saga imprenditoriale romagnola. C’è una grossa stufa nordica che quest’inverno ci riscalderà dopo che saremo andati a salutare il mare d’inverno.

Ai posti di comando sempre la figlia Marina. Cappellino d’ordinanza (un altro dei simboli del Lella Style) e sorriso pronto ad accoglierti con piadine, insalatone fresche e dolci della tradizione come la ciambella che ti servono accompagnata dalla crema.

Sardoncini | Piadina al farro | Birra della casa

L’elenco di piadine e cassoni che puoi mangiare dalla Lella è infinito. Qui ti presento due classici: crudo di Parma con squacquerone e rucola (per me resta sempre un must) e la piadina al farro con i sardonici che più riminese di così non si può.

E a proposito di avventure imprenditoriali locali, la Birra Riminese le ha persino dedicato una birra: la Birra della Lella che si sposa alla perfezione con la piada. L’etichetta, logo a parte, è stata disegnata da Lucrezia, 12 anni appena,  figlia di Marina. Un boccale di birra spumeggiante e due fiorellini. Il futuro della dinasty è assicurato.

Lella al Mare __Rimini (piazzale Kennedy )

Lezioni di yoga e pilates in un giardino zen

yoga

Buon karma | Buoni incontri

Se sulla tua strada incontri uno studio di yoga e pilates dall’allure zen il karma ci mette sempre lo zampino. Mi sono imbattuta in FormaMi, lo studio di Mirna, per puro caso. Un pomeriggio, girovagando per il Borgo San Giuliano di Rimini che non finisce mai di sorprenderti, ho visto una cancellata e un giardino da urlo. Ho fatto uno scatto al volo, perché era talmente bello che sul mio Instagram ci stava proprio bene.

Un paio di settimane dopo, complice quello scatto, i destini miei e di Mirna si sono incrociati e quel luogo è diventato uno dei posti che abitualmente frequento. 

yoga
yoga
yoga
yoga
yoga
yoga
yoga

Che cosa puoi fare da FormaMi:

Svariate attività legate alle discipline orientali. Punto di forza sono le lezioni di pilates posturale che settimana dopo settimana ti regalano quel portamento aggraziato e l’elasticità di un giunco.

E poi c’è l‘hot yoga therapy. Detto così pare un’impresa per pochi eletti che sanno resistere al caldo, invece è fattibilissimo e regala un senso di benessere incredibile. Si pratica in una stanza riscaldata intorno ai 40 gradi. I movimenti sono lenti, precisi, affrontabilissimi. La costanza porta  grandi benefici detox e sul tono muscolare. Da provare almeno una volta prima di dire: non fa per me. 

Particolare cura è riservata alle mamme che qui possono ritagliarsi del tempo per se stesse, mentre le “tate” dello studio si prendono cura dei bimbi.  Ci sono gli allenamenti di total body per le teen agers.  Le lezioni individuali con personal trainer (FormaMi: in forma con Mirna) per aumentare la consapevolezza del proprio corpo attraverso il movimento. Massaggi, trattamenti olistici … e tanto altro ancora.

Autentiche sessioni di benessere, in inverno al caldo, nelle sale dello studio. Ma appena arriva la bella stagione, in questo giardino che ti rimette in pace con il mondo solo a vederlo.

yoga
yoga
yoga

Yoga & Sociality

Da FormaMi capita spesso di fare festa. Già trovarsi nel Borgo San Giuliano, uno dei luoghi più instagrammabili di Rimini, aiuta (il link alla mia guida per gustarvi il vecchio borgo dei pescatori). Ma anche il giardino fa la sua parte.

Le stesse sedute di yoga si concludono sempre con un sorriso e una tisana in compagnia. Ma c’è di più. Nel suo spazio verde è possibile organizzare feste per i compleanni e le ricorrenze speciali degli amici che frequentano lo studio. Buonumore assicurato.

yoga
yoga
yoga
yoga

Lo Studio di yoga e pilates FormaMi si trova nel Borgo San Giuliano di Rimini (via Matteotti 28|i)

L’unica certezza? Natale

Natale

Annoiata dal numero di settembre

Pronte al “numero di settembre”? Ti diranno che the black is back, che il blu è il nuovo nero, che in inverno va di moda il bianco, ma anche i colori e pure i pastelli. Assolutamente da (non) avere la pelliccia e il suo contrario la eco pelliccia, perché la coscienza animalista cambia a seconda degli umori nella medesima stagione.

E poi il tocco animalier  |quello che viaggia fra leopardi – zebre – giraffe – pitoni|  non può certo mancare. Neppure lo scozzese, le stampe, le fantasie optical, i glitter e l’oro. Puoi scegliere un maglione over, oppure un vestito iper femminile, il tailleur pantalone, le scarpe stringate e quelle con il plateau

Ti diranno che andranno di moda gli abitini corti, andrà la pelle. Per farla breve: nulla di nuovo sotto il cielo dell’autunno e del prossimo inverno. Perché va tutto e il contrario di tutto ed è come se nulla andasse di moda.

Sparite le emozioni da cambio guardaroba. L’unica certezza è l’arrivo di  Natale

La bacheca Pinterest Magic Noel

Natale lo si può programmare fin dall’estate. Da Westwing con perfetto tempismo, ieri, 16 di agosto, sono arrivate via mail le prime occasioni per arredare la casa. Natale della tradizione, tutto bianco, rosso e tocchi di verde. La cosa impressionante è stato vedere polverizzare gli abeti in poche ore. Sintetici, innevati, colorati, nelle sfumature del legno stanno andando a ruba.

Per cui niente di male se ci portiamo avanti con i lavori e iniziamo a raccogliere i pin più suggestivi nella magica bacheca Pinterest dedicata alle ispirazioni natalizie.

Da settembre l’ABETE in terrazzo

Da parte mia penso che aggiungerò un abete al nuovo terrazzo che sto progettando con tanto amore. Sarà pronto a fine settembre e visto che non sarà più tempo di grigliate estive, la catenaria, le onnipresenti lanterne e un abete lo proietteranno direttamente verso il NataleMood. Fin da settembre. Sarà il mio personale “numero di settembre”.

Credit Immagine: CLEO SCHEULDERMAN

Alternativa Vegan | Cena libanese al food truck

cena

Quelle belle seratine al chiar di luna

Finalmente dopo mesi di appostamenti. Rinvii. Sarà per la prossima volta. Sono riuscita a raggiungere, a Cattolica, il food truck L’Alternativa Vegan per la cena libanese.

Galeotti sono stati i sapori della cucina della terra dei Cedri che io adoro. Datemi dell’hummus, del babaganoush, un tabbouleh di bulgur e mi farete felice.

cena

Il giro del mondo in punta di forchetta e coltello

Dall’inizio dell’estate Manuela e Valentina hanno fatto fare ai loro ospiti il giro del mondo in punta di forchetta e coltello. La prima, ai fornelli, è l’ideatrice di questo food truck votato alla cucina veg che quando gioca in casa si trova vicino al bocciodromo di Cattolica. Ma poi macina chilometri e chilometri per portare in giro per l’Italia la sua cucina corretta e sostenibile.

La seconda invece, ad ogni cena, si è dedicata ai drink ed è amica del mio blog sin dagli dagli albori. Io iniziavo a raccontare Rimini, lei apriva il Bar Lento, uno dei miei luoghi preferiti di Rimini. Posticino carino in cui puoi contare su una buona connessione wifi e generi di conforto.

Libano Style 

La serata prevedeva: cena con i classici della cucina libanese e cocktail a tema. Sulla scelta del drink non c’è stata storia ha vinto a mani basse lo Sharab ward: vermouth bianco, acqua di rose, succo di limone, pompelmo rosa, tonica. Letti gli ingredienti, visualizzate le paroline vermouth bianco  e acqua di rose, ho capito che ci saremmo piaciuti al primo sorso. E così è stato.

Sul versante food, piatto di apertura il tabbouleh alla libanese, a base di bulgur con pomodorini freschi, menta, erbe aromatiche e cipollina.  A seguire: fattoush l’insalata libanese, quella meraviglia di purea di melanzane arrostite chiamata baba ghanoush, i falafel  e l’hummus di ceci. Menzione d’onore le batata harra, le patate al forno speziate. Non le avevo mai mangiate e le ho trovate divine. 

Se poi ci aggiungi la freschezza di un giardino, le lucine, la buona compagnia, le chiacchiere, hai la perfetta seratina estiva a due passi da Rimini con tanto di comodo parcheggio che di questi tempi non così scontato.

Cucina on the road

L’Alternativa Food Truck quando non è giro per le piazze italiane lo trovi a Cattolica (via Quarto, dietro al bocciodromo). Le sue specialità etiche e sane prevedono favolosi panini e wrap, falafel, dolci al cucchiaio, torte ed estratti di frutta, all’insegna della migliore cucina vegana.


Fiore d’acciaio

[fullwidth background_color=”” background_image=”” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_webm=”” video_mp4=”” video_ogv=”” video_preview_image=”” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_mute=”yes” video_loop=”yes” fade=”no” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”” padding_top=”20″ padding_bottom=”20″ padding_left=”” padding_right=”” hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”no” menu_anchor=”” class=”” id=””][fusion_text]

 

[/fusion_text][/fullwidth][fullwidth background_color=”” background_image=”” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_webm=”” video_mp4=”” video_ogv=”” video_preview_image=”” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_mute=”yes” video_loop=”yes” fade=”no” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”” padding_top=”20″ padding_bottom=”20″ padding_left=”” padding_right=”” hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”no” menu_anchor=”” class=”” id=””][fusion_text]2 agosto  __Rimini [ponte di Tiberio][/fusion_text][/fullwidth]