LunaRossa | BloodyMoon

[fullwidth background_color=”” background_image=”” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_webm=”” video_mp4=”” video_ogv=”” video_preview_image=”” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_mute=”yes” video_loop=”yes” fade=”no” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”” padding_top=”20″ padding_bottom=”20″ padding_left=”” padding_right=”” hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”no” menu_anchor=”” class=”” id=””][fusion_text]

27 luglio 2018 LunaRossa

ESTATE. Amici. ROOF GARDEN. Tavolata. LUNA ROSSA. Quella luna che puntuale, appena ti siedi a tavola, sorge con Marte in opposizione e il sole che tramonta. 

L’eclissi più lunga del secolo, così bella da gustarsela a occhio nudo. Ma anche nel piatto perché nella cena organizzata sulla terrazza panoramica del Quartopiano Suite Restaurant di Rimini la LunaRossa è finita in una meravigliosa cheesecake con gelatina di lamponi e pesche, il crumble, i bottoncini di cioccolato e altri di bavarese. Tutto in un piatto firmato Chef Silver Succi[/fusion_text][/fullwidth][fullwidth background_color=”” background_image=”” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_webm=”” video_mp4=”” video_ogv=”” video_preview_image=”” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_mute=”yes” video_loop=”yes” fade=”no” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”” padding_top=”20″ padding_bottom=”20″ padding_left=”” padding_right=”” hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”no” menu_anchor=”” class=”” id=””][fusion_text]LunaRossa[/fusion_text][/fullwidth][fullwidth background_color=”” background_image=”” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_webm=”” video_mp4=”” video_ogv=”” video_preview_image=”” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_mute=”yes” video_loop=”yes” fade=”no” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”” padding_top=”20″ padding_bottom=”20″ padding_left=”” padding_right=”” hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”no” menu_anchor=”” class=”” id=””][fusion_text]

Una cena in ideale equilibrio fra gusto ed emozioni

Gusti, sapori che si intrecciano, dal gazpacho con bufala e la quiche di salmone, l’aberello della cuccagna con piadina fritta, frittata di uomini nudi, ascolane e una sorprendete bavarese di pomodorini. Avanti con il cotto e crudo di crostacei in acqua di cetriolo, il tocco delicato del cocomero, il pane al nero di seppia. Il fagottino di fiore di zucca con baccalà mantecato e la salsa tartufata. Il risotto allo zafferano e i crostacei. Il rombo gratinato con i pinoli adagiato su fagiolini e patate.

Alla fine arriva lei: la LunaRossa che torna a levarsi in cielo, uscendo piano piano dal cono d’ombra rosso. Per noi è il finale di una cena in un ideale equilibrio fra gusto ed emozioni. Poi i fuochi d’artificio e tu ti guardi intorno e brindi alla LunaRossa a  #bloodymoon.

Grazie per l’emozionate serata.

Quartopiano Suite Restaurant   _Rimini (via Chiabrera 34/c) aperto a cena dal lunedì al sabato

[/fusion_text][/fullwidth][fullwidth background_color=”” background_image=”” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_webm=”” video_mp4=”” video_ogv=”” video_preview_image=”” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_mute=”yes” video_loop=”yes” fade=”no” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”” padding_top=”20″ padding_bottom=”20″ padding_left=”” padding_right=”” hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”no” menu_anchor=”” class=”” id=””][fusion_text]LunaRossaLunaRossa

LunaRossa

Quartopiano Suite Restaurant   ___Rimini (via Gabriello Chiabrera, 34/c)

Agrofficina | Cucina green e sincera

Agrofficina

[fullwidth background_color=”” background_image=”” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_webm=”” video_mp4=”” video_ogv=”” video_preview_image=”” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_mute=”yes” video_loop=”yes” fade=”no” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”” padding_top=”20″ padding_bottom=”20″ padding_left=”” padding_right=”” hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”no” menu_anchor=”” class=”” id=””][fusion_text]

 

Agrofficina è un laboratorio del gusto nel cuore di Rimini. Si trova a due passi dalla rocca malatestiana ed è il classico posticino da frequentare da mattino fino a tarda sera.

L’idea parte nel 2014: mettere insieme la terra, i suoi frutti, l’azienda di famiglia e la cucina. Anna Chiara ci gira intorno, pensa a qualcosa che assomigli a un laboratorio. Il progetto viene messo in pausa, intanto studia architettura, studia i paesaggi.

Tutto ritorna quando incontra Andrea. Spirito libero al punto da lasciare il posto fisso e ripartire daccapo dalla cucina. Prima la gavetta, poi di fianco ad affermati chef. In cinque anni ha solo in mente una cosa: aprire un posto tutto suo.

E così è stato. I loro sogni si incrociano nella vita e nella cucina, nell’estate del 2018 nasce Agrofficina, uno degli ultimi locali aperti nel centro storico di Rimini. In piazza Malatesta, davanti alle mura di Castel Sismondo, Andrea e Anna Chiara aprono il loro laboratorio del gusto, “senza fronzoli, con un tocco di poesia”.[/fusion_text][/fullwidth][fullwidth background_color=”” background_image=”” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_webm=”” video_mp4=”” video_ogv=”” video_preview_image=”” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_mute=”yes” video_loop=”yes” fade=”no” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”” padding_top=”20″ padding_bottom=”20″ padding_left=”” padding_right=”” hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”no” menu_anchor=”” class=”” id=””][fusion_text]AgrofficinaAgrofficinaAgrofficinaAgrofficinaAgrofficinaAgrofficina[/fusion_text][/fullwidth][fullwidth background_color=”” background_image=”” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_webm=”” video_mp4=”” video_ogv=”” video_preview_image=”” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_mute=”yes” video_loop=”yes” fade=”no” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”” padding_top=”20″ padding_bottom=”20″ padding_left=”” padding_right=”” hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”no” menu_anchor=”” class=”” id=””][fusion_text]

L’essenziale in natura, in cucina, nel luogo

 

L’atmosfera di Agrofficina strizza l’occhio alle atmosfere scandinave negli arredi realizzati da AlmaderaLAB, ai richiami da officina, nella divisa da chef di Andrea, nei profilati in metallo, nelle cementine. Poi c’è il verde come fosse una piccola serra di città. In tavola  arriva quello che spunta dall’orto dei genitori, dai banchi del mercato, dal mare Adriatico, dalla carne acquistata “solo da chi ci fidiamo”. C’è il rispetto per l’ambiente nel servire il cibo in piatti e bicchieri biodegradabili al 100 per 100 che in 90 giorni di compostaggio ritornano in natura.[/fusion_text][/fullwidth][fullwidth background_color=”” background_image=”” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_webm=”” video_mp4=”” video_ogv=”” video_preview_image=”” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_mute=”yes” video_loop=”yes” fade=”no” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”” padding_top=”20″ padding_bottom=”20″ padding_left=”” padding_right=”” hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”no” menu_anchor=”” class=”” id=””][fusion_text]AgrofficinaAgrofficinaAgrofficina[/fusion_text][/fullwidth][fullwidth background_color=”” background_image=”” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_webm=”” video_mp4=”” video_ogv=”” video_preview_image=”” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_mute=”yes” video_loop=”yes” fade=”no” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”” padding_top=”20″ padding_bottom=”20″ padding_left=”” padding_right=”” hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”no” menu_anchor=”” class=”” id=””][fusion_text]

Il menù, buono consapevole, sostenibile

 

Particolare il menù che si apre con Nel mentre cinque piatti d’entrata. A seguire puoi scegliere fra le Foglie verdi, le Zuppe calde fra cui il ramen dell’Adriatico a base di brodo di pesce fresco, verdure di stagione e tagliolini all’uovo, oppure il ramen riminese con brodo di carne e arrosto di capocollo di mora romagnola. Ci sono le piadine, i taglieri di salumi e formaggi, la frutta di stagione e i dessert.

Come primo pranzo, insieme a un’amica, siamo partite con una serie di assaggini “Nel mentre”: l’insalatina di pesce marinato e la panzanella. Da lode la frutta e la verdura marinate servite con una salsina a base di yogurt. Poi vuoi non smezzarti la pappa al pomodoro con chenelle di ricotta di capra?!

A seguire la piadina il “Pascolo” con mozzarella di bufala, pomodoro e pesto verde. E quella “Campo” sempre verdure di stagione, radicchio e yogurt speziato. Infine i dolci: la crema vanigliata servita con ciambella e frutta e il guazzetto di frutta, gelatina di ricotta e crumble. Un mix di sapori perfetto.

Tant’è che già penso alla prossima volta che ci tornerò per assaggiare la zuppa ramen. Non l’ho mai provata ma quella di pesce mi pare un ottimo inizio.[/fusion_text][/fullwidth][fullwidth background_color=”” background_image=”” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_webm=”” video_mp4=”” video_ogv=”” video_preview_image=”” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_mute=”yes” video_loop=”yes” fade=”no” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”” padding_top=”20″ padding_bottom=”20″ padding_left=”” padding_right=”” hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”no” menu_anchor=”” class=”” id=””][fusion_text]

Agrofficina, piazza Malatesta 21/g Rimini

 

Sunday morning: la Colazione dei Sogni

sunday

Sunday Morning
brings the dawn in

It’s just a restless feeling by my side
Early dawning, Sunday morning

sundaysundaysunday

 

Modalità lavoro off e via in bici, direzione mare, a ritagliarmi la mia Colazione dei Sogni. Sunday Morning da Panenostro è french toast, amiche, chiacchiere, in una meraviglia di terrazza a metà strada fra una serra e un giardino fiorito.

 

sundaysunday

Panostro LAb  __ Rimini (viale Amerigo Vespucci, 71)

A Castel Sismondo “esplodono” le peonie

peonie

Sono le regine dei fiori e non può essere altrimenti visto il loro fascino. Un soffio di poesia, dove le maliziose ninfe amano nascondersi. In questo weekend le peonie sono state le indiscusse protagoniste di Giardini d’Autore alla Corte dei Malatesta. Penso che in pochi abbiano lasciato Castel Sismondo senza averne acquistato un mazzo da PeoniamiA. Bianche, corallo, rosa intenso, fucsia, rosa baby, sono un’esplosione di pura bellezza.

Come lo speciale di Giardini d’Autore inserito nelle celebrazioni per il sesto centenario della nascita di Sigismondo Pandolfo Malatesta. Signore di Rimini e tra gli indiscussi protagonisti del Rinascimento italiano. Per due giorni la corte di Castel Sismondo si è trasformata in un giardino fiorito, un delizioso privèe della manifestazione che anno dopo anno ci ha fatto innamorare della vita green in città.

peoniepeoniepeoniepeonieFrench touch

Fiori, colori e l’impalpabile tocco francese che è stato il trait d’union fra la delicata cucina dello chef Silver Succi, le creazioni floreali di Carlotta di Panenostro e le sedute Lalabonbon di Cristina Zanni. Colazioni, brunch, merende in giardino a base di frutti rossi, torte di cioccolato, brioche vegane e panini al latte. Per proseguire all’ora di pranzo con ravioli di ortica e raviggiolo, parmigiana di zucchine e melanzane, verdure al forno in agrodolce di zenzero. A seguire, verso sera, il calice di vino da abbinare al prosciutto tagliato rigorosamente al coltello, ai formaggi e alle verdure a julienne. Da consumarsi a passeggio fra i giardini oppure seduti sui tavoli in legno fioriti, fra peonie, mazzi di lavanda  e di eucalipto, rose inglesi, insieme ai fiori di campo.peoniepeoniepeoniepeoniepeoniepeonie

Alla corte dei Malatesta

Mattinèe in musica, acquisti green, laboratori per i bimbi, incontri e per non farsi mancare nulla fiori e trecce nelle acconciature di Mari de La Maison du Reflet, passaporto romagnolo con l’anima parigina. Nella corte di Castel Sismondo il fiorito prive di Giardini d’Autore. Chapeau!

peonie

A pranzo “lo Zio” consiglia …

zio

Ogni giorno una lista di portate diverse preparate con il meglio che si trova sui banchi del mercato

L’allettante proposta arriva dal ristorante Dallo Zio, nel cuore del centro storico di Rimini, che ha creato un perfetto menù degustazione dal titolo: 5 assaggi dal Mercato Coperto. Nella tarda mattina un post sulla pagina Facebook del locale, gestito da Giuliano Canzian, svela ciò che è pronto ad arrivare in tavola.

Il progetto racchiude la filosofia del  ristorante che coniuga tradizione, ricerca delle materie prime locali e originalità. Il mercato di Rimini diventa quindi fonte di ispirazione per menù all’insegna della sartorialità. Cinque degustazioni da abbinare a un calice di vino che ben si accorda alle portate.

ziozioziozio

Nel mio pranzo nostrano: pesce fresco e verdure primaverili

Nel paniere della spesa del ristornate Dallo Zio venerdì scorso c’erano: capesante, sardonici, vongole, erbette di campagna e strigoli. In tavola è arrivato un assaggio di coratella di capesante con polenta bramata. A seguire sardoncini scottati sul testo, orecchiette con sogliole e liscari, ravioli ripieni di erbe con sugo di vongole. Per chiudere gelato di nocciola con ciocco brownies e insieme al caffè un’alzatina di piccola pasticceria. Tutto rigorosamente home made: dal cestino del pane alla pasta, fino ai dolci.

zioziozioziozio

Il ristorante Dallo Zio si trova nel cuore del rione Montecavallo, a due passi dall’Arco d’Augusto, nel centro storico di Rimini. Punto di forza del suo menù, basato su elementi di mare e di terra, è la riscoperta di ricette tradizionali del territorio rielaborate in chiave contemporanea. E, particolare in grado di fare la differenza, una carta dei vini da oltre 250 etichette per accontentare anche i palati più esigenti.

Il recente intervento di ristrutturazione a cura dell’architetto Giovanni Tommaso Garattoni ha mantenuto intatto il senso di intima ospitalità e di essenziale eleganza di questa dimora ottocentesca. Dagli anni Sessanta trasformata in trattoria e oggi in un accogliente ristorante.

Ristorante dallo Zio vicolo Santa Chiara, 16 Rimini

zio

Ristorante dallo Zio   __Rimini (vicolo Santa Chiara, 16)