A pranzo “lo Zio” consiglia …

zio

Ogni giorno una lista di portate diverse preparate con il meglio che si trova sui banchi del mercato

L’allettante proposta arriva dal ristorante Dallo Zio, nel cuore del centro storico di Rimini, che ha creato un perfetto menù degustazione dal titolo: 5 assaggi dal Mercato Coperto. Nella tarda mattina un post sulla pagina Facebook del locale, gestito da Giuliano Canzian, svela ciò che è pronto ad arrivare in tavola.

Il progetto racchiude la filosofia del  ristorante che coniuga tradizione, ricerca delle materie prime locali e originalità. Il mercato di Rimini diventa quindi fonte di ispirazione per menù all’insegna della sartorialità. Cinque degustazioni da abbinare a un calice di vino che ben si accorda alle portate.

ziozioziozio

Nel mio pranzo nostrano: pesce fresco e verdure primaverili

Nel paniere della spesa del ristornate Dallo Zio venerdì scorso c’erano: capesante, sardonici, vongole, erbette di campagna e strigoli. In tavola è arrivato un assaggio di coratella di capesante con polenta bramata. A seguire sardoncini scottati sul testo, orecchiette con sogliole e liscari, ravioli ripieni di erbe con sugo di vongole. Per chiudere gelato di nocciola con ciocco brownies e insieme al caffè un’alzatina di piccola pasticceria. Tutto rigorosamente home made: dal cestino del pane alla pasta, fino ai dolci.

zioziozioziozio

Il ristorante Dallo Zio si trova nel cuore del rione Montecavallo, a due passi dall’Arco d’Augusto, nel centro storico di Rimini. Punto di forza del suo menù, basato su elementi di mare e di terra, è la riscoperta di ricette tradizionali del territorio rielaborate in chiave contemporanea. E, particolare in grado di fare la differenza, una carta dei vini da oltre 250 etichette per accontentare anche i palati più esigenti.

Il recente intervento di ristrutturazione a cura dell’architetto Giovanni Tommaso Garattoni ha mantenuto intatto il senso di intima ospitalità e di essenziale eleganza di questa dimora ottocentesca. Dagli anni Sessanta trasformata in trattoria e oggi in un accogliente ristorante.

Ristorante dallo Zio vicolo Santa Chiara, 16 Rimini

zio

Ristorante dallo Zio   __Rimini (vicolo Santa Chiara, 16)

Alchimie di primavera a Giardini d’Autore

primavera

In tavola è sbocciata la primavera

Pioggerella e nuvole non mi hanno fermato dalla mia tappa primaverile a Giardini d’Autore. Da più di un mese, forse addirittura un mese e mezzo, piove. Continuamente. Costantemente. E noi, da queste parti, alle lunghe piogge non ci siamo proprio abituati. Per cui il fine settimana green per eccellenza, quello che trasforma il parco Fellini davanti al Grand Hotel di Rimini in un tappeto fiorito, è stato messo a dura prova. Ma io non mi sono persa d’animo e ho comunque fatto il pieno di seduzioni verdi.

Ho scoperto di avere un buon pollice verde da qualche anno. Merito dei cromosomi ereditati da mio papà che aveva una sensibilità rara nel rendere il nostro terrazzo un’oasi fiorita. Così oggi 19 marzo 2018 non potevo ricordarlo nel migliore dei modi, attraverso la sua più grande passione: il verde.

Un menù verde con fiori a tema

Per chi si diletta a colorare terrazzi, balconi e giardini, Giardini d’Autore è la prima manifestazione che ricorda l’arrivo della primavera. Per me simboleggia il primo acquisto di piantine aromatiche per l’orto, anche in varietà davvero curiose. Quest’anno mi sono buttata su pimpinella e crescione, due erbe da unire alle insalate estive. E’ la ricerca di rose, camelie, azalee, dalle sfumature perfette. Di lussureggianti piante tropicali per farci sentire dentro una giungla casalinga o di quelle acquatiche per progettare laghetti e ninfee con vero piglio zen. E tante altre curiosità.

In questa edizione me la sono giocata sul trittico: buon cibo naturale, composizioni floreali a tema e scattini instagrammabili. Da L’ape in fiore di venerdì scorso /evento del circuito #offhairdinidautore) organizzato a Panenostro al laboratorio di sabato curato  da Accademia Matrioska: La Signora Dalloway disse che i fiori li avrebbe comprati lei. Un pomeriggio liberamente ispirato a Virginia Woolf in compagnia di Carlotta, l’anima di Panenostro, Marina, firma del food blog La Tarte Maison e Giovanna dell’associazione Lablab a cui va il merito di avermi fatto scoprire la bellezza dell’helleborus, il primo fiore a fiorire in primavera.

 

primaveraprimaveraprimaveraprimaveraprimavera

Avvolti dallo spirito green

Se nel pomeriggio in stile Virginia Woolf l’idea era quella di comporre un menù con fiori ed erbe raccolte nei campi, l’Ape in Fiore ha unito la cucina naturale di Gigi Salvemini a drink e cocktail all’insegna della più colorata primavera inventati da Charles Flamminio. Se con questo piccolo riassunto del mio fine settimana fiorito vi ho trasmesso un po’ di passione green, arrivederci a settembre. Si va alla scoperta dei giardini autunnali e invernali.

primaveraprimaveraprimaveraprimaveraprimaveraprimavera

Colazione a Rimini: 7 indirizzi per partire con il piede giusto

colazione

Hai presente quando ti svegli ispirato e hai voglia di una colazione speciale, oppure solo appropriata alla giornata che ti aspetta? E finisci per andare sempre nei soliti posti, salvo poi pensare: caspita è vero che lì fanno cose deliziose. Bene, siccome tutto questo capita pure a me, ho deciso di condividere con tutti voi un post con le mie colazioni del cuore. Ne ho scelte sette, una per ogni giorno della settimana.

colazione

 

Al Bio’s Caffè quando voglio fare la salutista

Se il lunedì ho bisogno di una coccola scelgo il Bios Caffè (via Bramante 7): peccati sì, ma con consapevolezza, in stile veg/biologico. In genere ci attacco anche la spesa nel vicino market dove mi rifornisco di tisane, infusi, yogurt bio, legumi, il buon pane preparato con il lievito madre. Insomma, tutto quello che entra di diritto nella parte buona della mia dispensa. Tornando alla colazione qui vado su una scelta semplice semplice da lunedì: cappuccio con latte di soia e brioche vegan.

Al Bar Lento per gustarsi quel tepore casalingo

Penso che sia il locale di Rimini che in assoluto ti trasmette l’idea di casa. Nella mia mente è l’eterno salotto da studenti sempre pronto ad accogliere quella sedia in più. Sarà forse per i mobili come il resto dell’arredamento, rigorosamente second hand e in vendita, pronto a rifarsi una nuova vita fra le tue mura domestiche. Anche il Bar Lento (via Bertola, 52) è il posto giusto per i peccati consapevoli. Brioche, torte da forno, muffin e altre specialità da prima colazione sono all’insegna del veg. Particolarissima la selezione dei tè. Valentina, la proprietaria, è una vera esperta del settore, per cui una tazza di tè  oppure un infuso è una scelta obbligata soprattuto in inverno. Con la bella stagione invece, vado pazza per le sue centrifughe di frutta, verdura con note speziate.

colazione

La Farina di Soriani vale una deviazione in zona centro studi

Non posso dire che mi sia di strada, ma di tanto in tanto mi piace fare un passaggio in zona centro studi per una colazione da Farina (via Colonna, 21). E’ nato da una “costola” della pasticceria Soriani che a Rimini è uno dei luoghi simbolo quando si parla di paste e dolci da portare in tavola la domenica. Il suo bancone è un inno al desiderio si trova di tutto dalla colazione dolce a quella salata: brioche, bomboloni, paste, focacce, i paninetti tondi in stile Poldo anche in versione petit, ancora il pane e la pizza appena sfornati … non c’è che l’imbarazzo della scelta.

colazione

L’ultima novità: Circus paninificio caffè

E’ uno degli ultimi locali aperti a Rimini. Mi è bastato entrare dentro una mattina per capire che sarebbe entrato di diritto nella lista dei miei preferiti. Da Circus (piazzetta San Martino, 8) pane e dolci sono preparati in casa e passano direttamente dal laboratorio artigianale al bancone. Menzione speciale per i bomboloni cotti al forno, ma potete contare anche su una selezione di torte del giorno, fra cui la cheesecake ai frutti rossi. Per quelli che non ne hanno mai abbastanza c’è la “bignolata“, bignè farciti con zabaione, budino al cioccolato e panna montata. Per i salutisti invece yogurt bianco con frutta di stagione e la classica manciata di crumble

colazione

Pasticceria Duomo quando un classico è per sempre

La pasticceria Il Duomo (via Bufalini, 60) è una felice tentazione lungo la via che percorro per andare al mercato coperto di Rimini. Pasticceria, caffetteria, sala da tè, le sue colazioni sono eccellenti. I croissant freschi di giornata, realizzati nel laboratorio artigianale adiacente, virano dal classico cornetto da accompagnare al cappuccino alle brioche farcite, fino a quelle in versione vegane alla quinoa con ripieno di lamponi. Nelle  vetrine della pasticceria Il Duomo ci perdi gli occhi: i bomboloni, le brioche al cioccolato, alla crema, con il miele, la marmellata, le paste. Da provare le crostate mignon con i frutti rossi, oppure le mini cheesecake, i deliziosi e colorati pasticcini mignon e ancora torte, crostate …  In sintesi: sei in cerca di un dolce desiderio? Qui lo trovi.

colazione

Il sabato da Necessaire

Se penso a Necessaire (via XX Settembre 118), penso al week end. In particolare al sabato mattina. A due passi dal centro storico con la sua atmosfera easy offre una selezione di colazioni molto curate. Brioches, paste, muffin, pancake con fragole e crema per gli amanti del dolce e allettanti piatti salati. Chiedere due uova strapazzate con bacon da Necessaire è una richiesta esaudibile in pochi minuti. E’ la colazione da gustarsi fino all’ultimo morso prima di un giro di shopping. Open dalle 10 del mattino in poi.

colazione

A PaneNostro la chiamano la colazione dei sogni

E’ un’esclusiva del sabato e della domenica. Da Panenostro (viale Vespucci, 71) l’hanno chiamata la colazione dei sogni e non poteva essere altrimenti. Immagina un posto bellissimo pieno di fiori, con il sottile profumo di burro e biscotti. Aggiungi un bancone ricolmo di ogni desiderio dolce e salato (caffè americano, cioccolata calda, spremute, infusi, brioche, torte, pane caldo, sandwich, affettati, uova strapazzate …). Puoi osare di più e immaginare invitanti waffel con crema chantilly e frutti di bosco, caldi pancake su cui fare colare lo sciroppo d’acero che d’incanto finiscono sulla tua tavola. Ecco perché è la colazione dei sogni.

Il Romagna Street Food di A Sem Toast

food

Sandwich Tostissimi

Piccolissimo, buonissimo, tostissimo: 14 metri quadrati di puro piacere. Ve ne avevo già accennato nella mia guida Weekend a Rimini: 8 indirizzi easy chic da segnare in agenda. Ma a Sem Toast si merita una citazione tutta sua. Nel centro storico di Rimini, in zona cantinette,  se volete provare un sandwich memorabile, un panino gourmet, una piadina speciale o un frittino di quelli leggeri leggeri è l’indirizzo giusto. E’ il tipico esempio di romagna street food: cibo da consumare passeggiando con un’attenzione particolare alla qualità  degli ingredienti e al menù che varia a seconda dei prodotti di stagione.

food

Amanti dello street food qui trovate pane per i vostri denti

Per uno spuntino, una pausa pranzo veloce, una cena al volo, il menù di A Sem Toast è tutta una tentazione. L’ultima ha il profumo intenso dell’autunno: il club sandwich al tartufo. Se pensate alla solita spalmata di crema di tartufo vi sbagliate di grosso. Nella salsa home made ci sono generose grattate di odoroso tubero, insieme al saporito prosciutto di Carpegna, spinacino fresco e altre sfiziosità.

Con l’arrivo del freddo nel menù è arrivata anche la polenta. La scelta è ardua: polenta con ragù di cinghiale, oppure polenta con funghi e fonduta? Nel dubbio meglio andarci in compagnia e condividere.

A Sem Fitness

Fra tante proposte food da leccarsi i baffi da A Sem Toast ne hanno inventata una che mette insieme gusto e calorie: il Keto ToastPane morbido ai cereali Penta Diet (pane speciale ad alto contenuto proteico e solo 0.9g di zuccheri a porzione), pollo piastrato, mayocado, pomodori e germogli di alfa-alfa coltivati con passione dalla titolare Claudia. Tradotto in cifre è uno sfizio da 350 calorie, senza nulla togliere al gusto.

Un frittino leggero leggero

E’ un classico dello street food, peccato che a volte il fritto preso al volo – superata la fase gnam gnam – si rivela spesso una mattonata da mandare giù. Questo invece è super leggero e croccante. Le proposte variano a seconda della stagione. Se in estate vanno fortissimo i fiori di zucca fritti, in inverno come resistere davanti al cartoccio di baccalà&cips oppure l’evergreen  pollocips e il buon fritto di pesce.

Un consiglio prezioso: le porzioni sono belle abbondanti soprattuto i sandwich, per cui meglio andarci in compagnia e smezzarsi le prelibatezze sul migliore tavolo a disposizione: i vecchi banchi della pescheria di Rimini.

foodfood

L’ultima tentazione: il panino con pastrami

Dal medioriente a New York, passando per la Romania e i ghetti ebraici di mezza Europa la succulenta carne affumicata e speziata è arrivata sui banchi della vecchia pescheria di Rimini. E proprio dalla Big Apple Claudia ha importato la ricetta. E’ tenuta rigorosamente segreta come si conviene nella storia di questo panino, protagonista della celebre scena di Harry ti presento Sally, girata all”interno di Katz’s Delicatessen di New York, il regno del pastrami.

Viene preparato con un taglio di manzo femmina. La carne è marinata per 8 giorni nelle spezie, cotta a bassa temperatura nel barbecue per 12 ore, più altre 6 di affumicatura. Si affetta al coltello. 100 Gr nel panino normale e ben 200 Gr in quello super. Un filo di senape, insalata e pomodorini freschi. Il cetriolo puntato con lo stecchino e il nirvana è servito.

food